Passa ai contenuti principali

Le cose da sapere quando si va a far stampare un lavoro in tipografia

Premessa: Ho aperto il blog sopratutto per raccontare le mie esperienze,  facendo in modo che in futuro voi non facciate i miei stessi sbagli.

Parlo con chi crede ancora nella forza della propaganda.
Sicuramente, ognuno di noi si troverà almeno una volta nella vita a dover stampare dei biglietti da visita, una locandina o almeno delle cose del genere che richiedano delle accortezze.
Non tutti possono immaginare cosa può succedere se si chiede di mandare in stampa un proprio lavoro ad una tipografia. Sarà come chiedere ad un parrucchiere di tagliarci i capelli. Le regole sono più o meno le stesse: bisogna essere molto cauti.
Vi dico già che ho perso dei soldi e un pò di integrità mentale per fare una semplice stampa quindi per favore leggete qua sotto.
Ecco le cose da sapere e da fare quando si chiede di stampare.

  1.  Non fidatevi, e dico mai, di chi vi farà questo lavoro, nemmeno se vi dice che vi chiamerà se ci saranno dei problemi. In ogni situazione bisogna prendere delle precauzioni e questo è uno di quei momenti.
  2. Scegliete la carta, i prezzi e la quantità se volete, ma ricordatevi anche di far fare delle prove di stampa prima di una qualsiasi catastrofe che vi costerà i vostri soldi (parlo di grandi quantitativi di stampe o meno ). Vi potranno dire che hanno stampato ciò che gli avete dato. Non è assolutamente così, il lavoro deve essere fatto sotto la vostra supervisione.  
  3. Se vi consegneranno un lavoro illeggibile, non accettatelo per nessuna ragione, rifate fare tutto da capo senza mettere un centesimo in più, oppure se non vorranno farlo, prendete le vostre cose e andate via.
  4. Non fatevi abbindolare dalle belle parole che vi possono rifilare con l'inganno facendovi andare via senza una parola come degli imbecilli.
  5. Fatevi servire da chi vi sembra più disponibile, sembrerà un consiglio inutile ma vi assicuro che è indispensabile. Vi potrebbe capitare la strega delle paludi se non state attenti.


Vi dico tutto questo perchè sono arrivata in una tipografia a 32 denti  per l'emozione e me ne sono ritornata "sdentata".
Ho fatto stampare  250 biglietti da visita , ma la scritta delle info era illeggibile, a causa del font.
Non sapendo come sarebbe venuto in stampa, il font che ho usato, è risultato impossibile da leggere. Questo errore sarebbe stato certamente corretto, ma a quanto pare era troppo faticoso alzare il telefono per chiamarmi e spiegarmi la situazione nonostante avessi raccomandato di farmi una telefonata se ci fossero stati  dei problemi. Ora mi ritrovo con 250 pezzi di carta inutili, dei soldi messi da parte dati per così dire in "beneficenza" e un bisogno assoluto di biglietti da visita da dare ai clienti o potenziali clienti.

POTETE RACCONTARE QUA SOTTO UN ESPERIENZA O COSA NE PENSATE DEL POST CHE AVETE APPENA LETTO.



Post popolari in questo blog

12 MODI PER INCARTARE I TUOI REGALI: TUTORIAL

Quest'anno stanca dei soliti pacchi e delle solite forme ho deciso di cercare nuovi modi per impacchettare i miei regali. Pinterest è il mio personale aiutante che mi ha fatto trovare questi bellissimi tutorial. 1. Creare una bustina con la carta regalo non è un operazione velocissima ma il risultato è davvero carino


2Non poteva mancare il tocco di colore. La parte di dietro di una penna o un tappo di bottiglia immerso nell'acrilico e via con il pacco a forma di caramella.



3.Sarebbe carino usare anche la forbice a zig zag oppure creare un taglio a frange e chiudere il tutto come nella foto. 
4. Per piccoli regali come un anello una collana o un accessorio, questo cono è davvero carino e semplice da fare. Magari avrei usato una carta più natalizia ed un nastro. Creatrici di bijoux vi piace l'idea?

5. Un bicchiere di carta e piccoli passi per un semplice pacco.



6. Questo pacco è uno dei miei preferiti!!!
7.  Un regalo per un viaggio? 

8. Incastrando un nastro rosso e uno dorato o ar…

Jeans con gli strappi: NO MORE

Entrare in un negozio e cercare un jeans, dico almeno uno senza uno strappo sulle gambe è davvero difficile! Da trovarci in  un tempo in cui  si andavano a riparare i pantaloni con i buchi, ora quelle voragini sulle gambe sono diventati un  simbolo  di stile.
I fashion designer ormai si differenziano per le larghezze degli strappi che hanno creato sui loro capi.
Io sono una creativa davvero all'antica su questo argomento e così invece di bucare io cerco di riempire quegli spazi vuoti.


Avendo un negozio di Merceria vi dico che la maggior parte dei problemi che mi propongono sono proprio quelli dei jeans con gli strappi. Lo giuro!! Dopo averli comprati anche ad un costo di 300 euro si accorgono sbadatamente che questi buchi (non rifiniti) si vanno ad allargare e allargare e allargare. In poche parole in mano rimane una spoletta di cotone!!

Nel web per la precisione il mio affidatissimo pinterest mi ha mostrato la via per un outfit migliore.
Guardate che belli e creativi !!!!


 Basta …

Fotografare parte 2 :oggetti fai da te di piccole dimensioni

La maggior parte delle creative che mi seguono sono delle bijoux creatrici dipendenti, amano l'hand made e sopratutto un settore specifico, quello dei gioielli.
Per voi care lettrici vi ho riservato un post apposta in cui i protagonisti saranno le creazioni di piccola taglia.
Come fotografarle? Facile penseranno alcuni, sono piccole e quindi facili da fotografare. Non è per niente vero. Per fare belle foto ci vuole anche un bello sfondo su cui basarsi.

Iniziamo dal mio in cui ho usato i gioielli come oggetti di scena (non sono lavori miei) ma che ci faranno partire bene per il primo spunto per le vostre foto.


Riunite dei libri e inseriteci dentro un collier come nell'immagine. Coreografico?

Queste altre immagini le ho trovate curiosando su Pinterest
Semplice ed elegante per un oggetto particolare.


Appena ho visto questa foto mi sono interessata subito e ha attirato la mia intenzione.

Questa è un idea per gli orecchini che possono essere appesi in questo modo  sui dei libri.



In…