Passa ai contenuti principali

Progetti in fuga: Vento sulle ali


Noi siamo i progetti in fuga, siamo i creativi che stanno aspettando un pò di vento per poter volare da soli. Siamo la speranza in un tempo di ignoranze e superficialità. 


Noi
crediamo, ma spetta anche agli  altri credere che si possa far di più. Avete presente nelle relazioni che vediamo molto spesso in tv, quando uno dei due chiede all'altro di più? Questo è quello che cerchiamo noi giovani, un di più che non viene da una relazione sentimentale, vogliamo di più dalla vita. 
Sento ripetere continuamente che ormai non c'è più futuro, ma credo che finchè vedrò le lancette dell'orologio girare quella frase non dovrebbe essere più ripetuta.

Grazie ad un gruppo di persone che ha voluto aiutarci in questo momento un pò particolare, siamo riusciti ad allestire con non pochi sacrifici, il museo diocesano di Bisceglie che ha ospitato i nostri lavori. Ognuno di noi ragazzi, con il proprio stile, è riuscito a riempire le stanze del museo trasformandolo in delle vere e proprie vetrine creative.

Il 21 Dicembre si è tenuta l'inaugurazione alla quale "doveva" partecipare anche il sindaco che a quanto pare non si è presentato. Nonostante tutto, la gente è arrivata e abbiamo dato inizio ad una presentazione in cui la Dottoressa Pierangela Rana e la Professoressa Rosangela Polito hanno spiegato i motivi di questo evento.
Riportando ciò che c'è scritto sulla pagina Esposizione d'arte:

"L’idea cardine di questo progetto è portare la sperimentazione creativa, le dinamiche collettive, l’impegno sociale all’interno della vita reale, superando i concetti di originalità artistica e immobilità da collezionare…e nello stesso tempo portare tutto questo in un museo per dimostrare che i luoghi di produzione della cultura sono vivi e vitali; portare la vita dentro un museo per aprirne non solo le porte ma anche le mura. Aprire un museo alle relazioni collettive. Azioni oltre le rappresentazioni, processi creativi aperti e condivisibili."





I momenti in cui ci si sente apprezzati sono davvero pochi. Uno di questi è stato proprio questo evento. Grazie al solo primo giorno alla mostra ho visto la gente davanti ai miei quadri che apprezzava il mio lavoro. Sono riuscita a vedere quel di più che noi tutti stiamo cercando, ho notato persone che davvero erano interessate a quello che i miei quadri volevano comunicare e come ciliegina sulla torta una signora davvero cortese ha comprato una delle mie creazioni, senza svalutarla come di solito mi succede in questi periodi.


Se mi chiedessero cosa non mi è piaciuto di questo evento, risponderei:

  •  La cura che ci ha dimostrato l'amministrazione comunale;
  • Risponderei che non mi è piaciuta la gente che abita nei dintorni di Bisceglie vecchia, che è un    posto che dovrebbe essere preservato, curato e ammirato e non adibito ad  uno scarico di immondizia creatosi davanti alle porte del museo;
  • Risponderei anche, che non mi è piaciuto il fatto che hanno rubato le piante di stelle di Natale che sono simbolo di una rinascita che è dura ad arrivare se ci sono persone in grado di fare queste cose.



ORA VI LASCIO CON IL RESTO DELLE FOTO 
(la mostra contiunerà fino al 30 Dicembre, quindi, se siete nelle vicinanze fate un salto a vedere)


Rosangela Polito


Particolare del quadro di Emanuela Muschitiello
  
Da notare gli EI FU FIORI


Alcune delle dediche lasciate alla mostra.
Che il vento possa soffiare impetuoso sulle
ali dei ragazzi che aspettano
solo l'occasione giusta per spiccare il volo.
Il mio quadro Last Hope
Il mio quadro Faith and dreams
Il mio daydreaming
Il mio quadro King of anything

Sergio de Pierro



I lavori di Marco Triggiani
La creazione e la creatrice :-P

Commenti

Post popolari in questo blog

12 MODI PER INCARTARE I TUOI REGALI: TUTORIAL

Quest'anno stanca dei soliti pacchi e delle solite forme ho deciso di cercare nuovi modi per impacchettare i miei regali. Pinterest è il mio personale aiutante che mi ha fatto trovare questi bellissimi tutorial. 1. Creare una bustina con la carta regalo non è un operazione velocissima ma il risultato è davvero carino


2Non poteva mancare il tocco di colore. La parte di dietro di una penna o un tappo di bottiglia immerso nell'acrilico e via con il pacco a forma di caramella.



3.Sarebbe carino usare anche la forbice a zig zag oppure creare un taglio a frange e chiudere il tutto come nella foto. 
4. Per piccoli regali come un anello una collana o un accessorio, questo cono è davvero carino e semplice da fare. Magari avrei usato una carta più natalizia ed un nastro. Creatrici di bijoux vi piace l'idea?

5. Un bicchiere di carta e piccoli passi per un semplice pacco.



6. Questo pacco è uno dei miei preferiti!!!
7.  Un regalo per un viaggio? 

8. Incastrando un nastro rosso e uno dorato o ar…

Dipingere e decorare una cartella scuola con un effetto galassia

Prima di tutto i tutorial in giro nel web non aiutano nello specifico a creare questo effetto galassia e stelle ma d'altra parte il complesso di tutti i tutorial possono invece darti un pò di là un pò di qua qualche dritta ma sarai tu a dover capire la quantità giusta di colore da usare. Una sicurezza la volete?
Questo lavoro è divertentissimo da fare...anche con i più piccoli!! :-)



Prima di tutto ho dipinto su un pezzo di pelle che avevo la galassia.
I colori principali sono:

IL NEROIL BLU CYANOIL VIOLAIL MAGENTAe il BIANCO
Decidete la base se averla nera o blu scuro non importa e poi inziate con una spugna a punzecchiare la superficie un pò di qua un pò di là di tutti i colori sopra elencati. Se si mischieranno non sarà un problema, basta non creare delle tonalità come il marrone. Il bianco è all'ultimo posto per schiarire alcuni punti soltanto (solo alcuni) .
Poi si passa alla parte che preferisco di più!! Spazzolino alla mano! Mettete il colore sullo spazzolino come fosse d…

Jeans con gli strappi: NO MORE

Entrare in un negozio e cercare un jeans, dico almeno uno senza uno strappo sulle gambe è davvero difficile! Da trovarci in  un tempo in cui  si andavano a riparare i pantaloni con i buchi, ora quelle voragini sulle gambe sono diventati un  simbolo  di stile.
I fashion designer ormai si differenziano per le larghezze degli strappi che hanno creato sui loro capi.
Io sono una creativa davvero all'antica su questo argomento e così invece di bucare io cerco di riempire quegli spazi vuoti.


Avendo un negozio di Merceria vi dico che la maggior parte dei problemi che mi propongono sono proprio quelli dei jeans con gli strappi. Lo giuro!! Dopo averli comprati anche ad un costo di 300 euro si accorgono sbadatamente che questi buchi (non rifiniti) si vanno ad allargare e allargare e allargare. In poche parole in mano rimane una spoletta di cotone!!

Nel web per la precisione il mio affidatissimo pinterest mi ha mostrato la via per un outfit migliore.
Guardate che belli e creativi !!!!


 Basta …